Le sigarette elettroniche anche dette PV o Personal Vapouriser (soprattutto in Inghilterra)  o Vaporizer (come sono invece altrimenti dette in America) o brevemente  e-cigarette o E-cig sono dispositivi elettronici creati e venduti per aiutare a smettere di fumare. Alcuni pensano che possano anche incoraggiare l’iniziazione al fumo nei giovani e la relativa dipendenza dalla nicotina perchè presentano una maggiore accettabilità sociale e permettendo l’identica gestualità della sigaretta ma non lo stesso cattivo odore e produzione di mozziconi inquinanti.

Fondamentalmente tutti i dispositivi in commercio sono basati sull’utilizzo di una corrente elettrica fornita da una batteria ricaricabile – tipicamente al litio- per alimentare una resistenza metallica che riscalda i liquidi aromatizzati contenenti nicotina e crea i vapori che vengono inalati. La soluzione è a base di acqua, glicole propilenico o E1520 un additivo, glicerolo o E422 un altro additivo, aromi naturali estratti cioè da prodotti e ingredienti naturali (come il limonene estratto dagli agrumi o il cinnamato estratto da ciliegia e cannella). Tutti gli elementi possono essere miscelati in percentuali variabili.

sigaretta elettronica certificata
I migliori prodotti certificati e sicuri li trovi su Svapoexpress.com

Le sigarette elettroniche commercializzate in Italia sono pericolose per la salute?

Da quando sono state commercializzate in Italia per la prima volta, circa 10 anni fa, molti studi e opinionisti esperti si sono pronunciati in un senso o nell’altro producendo diffidenza e dubbi nel consumatore. Sono stati pubblicati studi sui liquidi, in bottiglia e durante il riscaldamento e in forma di vapore; studi sui diversi tipi di dispositivi  e sull’effetto del vapore sull’organismo vivente. E’ certo che alcune ricerche hanno rilevato la presenza nel liquido di metalli pesanti come il nichel ( al quale sempre più persone si scoprono allergiche) tracce di argento, titanio e cromo e -in alcuni- addirittura piombo e manganese: tutti elementi la cui azione cronica è collegata a danni a polmoni, cervello, fegato, sistema immunitario e cardiovascolare.

Oggi sappiamo che quegli studi si riferiscono prevalentemente a liquidi che non rispettavano le indicazioni di legge: certamente si trovano tracce di metalli tossici  in bassa quantità nei liquidi di ricarica ma le alte concentrazioni si rilevano appunto in liquidi illegali e in apparecchi non a norma. In alcuni di questi,  il liquido viene a contatto con una resistenza fatta proprio di nichel cromo e altri metalli, è così che si innalza appunto il livello di queste sostanze nel liquido che con la dispersione persiste negli aereosol entrando infine a contatto con l’organismo. Se si sceglie di utilizzare le sigarette elettroniche è bene quindi controllare che i dispositivi e i liquidi corrispondano sempre  ai termini di legge.